Cric martinetto: tutte le info che cerchi a portata di click

Cric martinettoIl cric (anche chiamato martinetto) è un comodo strumento che permette il sollevamento dei veicoli. Utilissimo, ad esempio, in ambito “domestico” per il cambio delle ruote. Mentre per i professionisti pure per sollevare la vettura ed eseguire altri interventi di manutenzione
Il martinetto è utilizzato, quindi, sia in ambito “domestico” che in ambito professionale nelle apposite officine. In commercio ci sono diversi modelli e in questa pagina andremo a scoprire non solo le diverse tipologie, ma anche i parametri da prendere in considerazione prima di effettuare l’acquisto di un martinetto, i marchi e tanto altro. 

I migliori cric martinetti e le offerte

Sai già tutto sui cric?
Vuoi scoprire quali sono i migliori modelli?
Scegliere un prodotto di qualità è assolutamente necessario sia in ambito professionale che “domestico”. Proprio per questo si va alla ricerca del miglior prodotto. Tuttavia scegliere il migliore non è molto facile. In questo ti aiutiamo noi. Abbiamo selezionato i migliori cric martinetti basandoci su un parametro davvero essenziale, ovvero: l’ottimo rapporto qualità prezzo.

Qui in basso, invece, abbiamo selezionato delle offerte vantaggiose di cui puoi subito approfittare per risparmiare.

 
Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2019 16:14

Quali sono i parametri da prendere in considerazione?

Non sai molto su questo argomento?
Sei indeciso su quale martinetto acquistare e non vuoi comprare un prodotto che non soddisfi le tue esigenze? 
Questo è il paragrafo che fa al caso tuo. Infatti, andremo a parlare dei parametri da prendere in considerazione prima di acquistare un cricchetto. Parametri che ti aiuteranno ad effettuare la scelta più giusta.

Cric professionale o hobbistico?

La prima scelta dipende essenzialmente da un unico fattore: quale sarà il tuo utilizzo?
Devi utilizzare il cric martinetto solo in caso di necessità o devi utilizzarlo in officina?
Questa differenza cambierà sensibilmente il tipo di prodotto che andrai ad acquistare. Se devi utilizzare il cric solo per il cambio delle ruote per passare a quelle da neve nei periodi invernali (o magari nel caso in cui si buchi una gomma) allora puoi optare per i modelli non professionali. Offrono prestazioni minori ma di sicuro per il tuo tipo di utilizzo andranno più che bene. Soprattutto costano meno di un cric professionale per officina.

Cric martinetti: altezza minima e massima

Come abbiamo detto, il cric martinetto serve per sollevare un determinato peso, sia che possa essere una macchina che un camion. Un parametro che bisogna valutare nella scelta di un cric è l’altezza massima raggiungibile. Per poter operare con facilità (in base ovviamente alle diverse esigenze) bisogna valutare anche l’altezza massima raggiungibile dal cric scelto.
Per uso più “domestico” può andare bene anche un’altezza massima di 320 mm e un’altezza minima di 120 mm. Questo è un dato generale basato su una “classica” utilitaria. Tu però, devi sempre prendere in considerazione la tua auto. In base all’altezza da terra della tua vettura, devi valutare anche l’altezza del cric.
Se un martinetto non raggiunge l’adeguata misura, non riuscirai a cambiare le gomme della tua macchina.

Cric per auto, camion e camper: cambia la capacità in base al mezzo di trasporto

Dopo aver visto l’altezza, non ci resta che vedere il peso massimo di sollevamento di un cric. Tra i veicoli più pesanti da sollevare ci sono di certo i camion e i camper. I cric per auto, invece, necessitano di una capacità di sollevamento inferiore, va bene anche un cric come il Lampa 71502 da 1 tonnellata. Per auto di grosse dimensioni come i Suv, può andare bene un cricchetto che riesca a sollevare 3 tonnellate.
Per i cric per camion e i cric martinetti per camper si opta anche per modelli dalle capacità superiori.

Cric martinetto manuale o automatico?

Qual è la differenza tra un cric martinetto manuale e un cric martinetto automatico?
La presenza o meno del motore. Infatti ci sono dei modelli elettrici e pneumatici (di cui parleremo più avanti) che permettono di fare decisamente meno fatica a dispetto dei classici martinetti manuali (come i sollevatori idraulici ad esempio). Ragion per cui valuta attentamente anche questo parametro nella scelta del cricchetto ideale per te.

Mini cric e lo spazio occupato in auto

Un cric può essere più o meno piccolo. In base alle dimensioni potrà essere facilmente trasportabile, anche se le stesse dimensioni dipendono molto dal tipo di modello scelto.
In questo caso con mini cric ci riferiamo ai classici modelli utilizzati per l’auto. Se devi metterlo nel bagaglio al posto del modello che si ha in dotazione con l’acquisto della vettura (cric a pantografo) è il caso di optare per i martinetti non troppo voluminosi e dotati di apposita valigetta. In modo che entrino nell’apposito alloggiamento senza che tu sia costretto a lasciarlo “libero” nel portabagagli.

Martinetti cric: le migliori marche

Molta importanza riveste pure la scelta del marchio. Più un brand è affidabile maggiori saranno le probabilità di acquistare un prodotto di qualità.
In commercio ci sono davvero diverse tipologie di cric martinetti. Molti sono anche venduti a prezzi davvero irrisori. Se si acquista un prodotto senza però badare al marchio si rischia di andare incontro ad uno spreco di soldi. Quindi si acquisterebbe un prodotto scadente.
Un cric martinetto scadente potrebbe avere anche una capacità di sollevamento inferiore rispetto a quella effettivamente indicata (in questo campo si va incontro anche a queste “fregature”). Potrebbe essere davvero lento nel meccanismo di sollevamento e potrebbe essere realizzato con materiali poco resistenti. Se poi acquisti un modello elettrico, potresti ritrovarti con un prodotto già malfunzionante dopo pochissimi utilizzi. Ragion per cui, per evitare acquisti scadenti e soprattutto uno spreco di soldi, meglio puntare subito su martinetti delle migliori marche (come quelli proposti sotto).

Cric a pantografo: il martinetto meccanico

Adesso passiamo alla descrizione delle diverse tipologie di martinetti. Il primo che andiamo a vedere è il classico cric a pantografo che si ha in dotazione con l’acquisto della vettura. Ogni macchina ne ha uno. Il funzionamento è molto semplice. Il cric viene azionato dal movimento rotatorio dell’apposita manovella. Basta infatti girarla per sollevare l’auto.
I cricchetti a pantografo sono i più comuni ma hanno una capacità di sollevamento minore a dispetto dei modelli idraulici.

Cric martinetto a vite

Anche questi sono dei modelli meccanici. In questo caso però bisogna girare la vite per fare in modo di sollevare il peso. Rispetto ai cric meccanici precedenti, questi martinetti sono diffusi in ambito professionale per eseguire diversi tipi di lavori. Per un utilizzo più “domestico” meglio optare per il cric martinetto a pantografo o per il martinetto idraulico.

Cric martinetto idraulico

Il cric martinetto idraulico si aziona tramite una leva. Il meccanismo di funzionamento si basa sulla legge di Pascal. Senza sfogliare i libri di scuola, possiamo semplicemente riassumere questo principio affermando come la forza esercitata su un punto della leva del cric idraulico, si distribuisca in tutto lo strumento permettendo il sollevamento.
Il cric martinetto idraulico è disponibile in quattro diverse tipologie, che adesso andremo proprio a descrivere.

Cric martinetto idraulico a carrello

I cric a carrello sono dotati di ruote, quindi risultano facilmente trasportabili. Sono ideali per un utilizzo in officina, meno per un utilizzo “domestico”. Le ruote si possono bloccare proprio per favorire le operazioni di sollevamento. A dispetto dei modelli che descriveremo subito dopo, i cric a carrello sono più pesanti, ma quelli più bassi.

Cric martinetto idraulico a bottiglia

Dopo aver descritto il cric martinetto a carrello passiamo alla descrizione del secondo modello, ovvero il martinetto idraulico a bottiglia.
La differenza tra i due modelli deriva intanto dalla non presenza delle ruote. Inoltre, questi martinetti sono più leggeri. In linea generale pesano circa 3 kg, a dispetto dei modelli a carrello che hanno un peso superiore ai 10 kg.
Il cric martinetto idraulico a bottiglia può essere utilizzato in ambito “domestico” al posto del classico cric a pantografo, in quanto permette di sollevare pesi maggiori facendo anche meno sforzo.

Cric da fossa e sottoponte

Un’altra tipologia di cric idraulico è il martinetto da fossa e sottoponte.
Specifichiamo subito che questo modello è ideato per essere utilizzato in officina. Proprio perché la fossa di cui si parla, è quella dell’officina (ovvero la zona che ha a disposizione il meccanico per agire al di sotto del veicolo). Il suo utilizzo è destinato per il sollevamento delle parti smontate di una macchina, ad esempio.
Il funzionamento del cric da fossa si basa sull’azionamento manuale della pompa che permetterà la salita dello stelo (elemento che ha il compito di sostenere il peso).

Cric martinetto pneumatico

Fa parte sempre della famiglia dei martinetti idraulici. Il cric pneumatico permette il sollevamento di oggetti pesanti o macchine attraverso l’aria compressa immagazzinata al suo interno. Naturalmente, ci sarà bisogno di un apposito compressore d’aria che dovrà ricaricare il cricchetto quando l’aria comincerà ad essere insufficiente per eseguire l’operazione di sollevamento.
I martinetti pneumatici sono usati prevalentemente in ambito professionale e meno in ambito “domestico”.

Cric martinetto elettrico

Vuoi evitare di fare sforzi?
Vuoi eseguire un sollevamento veloce?
Valuta l’acquisto di un cric martinetto elettrico. Questi modelli sono dotati di un motore elettrico che permette l’azionamento dello strumento. Puoi portarlo sempre con te in macchina visto che è dotato di spina per accendisigari e di cavi per alimentarlo tramite la batteria dell’auto.
Inoltre, i cricchetti elettrici permettono una comodità in più, visto che possono essere azionati direttamente con il telecomando. Quindi, non dovrai abbassarti o stare in ginocchio come nel caso dei più classici cric. Potrai stare  all’inpiedi o comodamente seduto.

Cric: prezzi anche piuttosto bassi

Abbiamo visto le diverse tipologie di cric martinetti, adesso non ci resta che valutare il lato economico di questo prodotto.
In base alla tipologia e al modello scelto (se professionale o no) il prezzo sarà più o meno basso. Di sicuro per un utilizzo non professionale è possibile acquistare un cric martinetto economico. Attenzione solo a non pensare solo ed esclusivamente al risparmio, se no, come detto in precedenza, si rischia di andare incontro ad acquisti scadenti. E come ben saprai, con l’acquisto di prodotti non altezza sprecheresti solo i tuoi risparmi. Meglio puntare fin da subito su prodotti di qualità appartenenti ai migliori marchi del settore.